Fondazione Marisa Bellisario

IL NUOVO VOLTO DEL POTERE

Da ieri, i due maggiori partiti italiani hanno una donna alla guida. Per il nostro Paese, un fatto storico, che dà ragione alla mia teoria di sempre: la forza contagiante, illuminante, travolgente dell’esempio.

Per un Pd che in tanti, da mesi, definiscono moribondo, il fattore Donna era forse l’ultima carta da giocare dopo la rovinosa “rivoluzione” degli anni 92-94. Dopo anni in cui la componente femminile del Pd è stata messa all’angolo in ogni occasione e circostanza, una giovane donna – che ha formalizzato la sua iscrizione solo di recente – ha sbaragliato la concorrenza maschile e il voto dei circoli e si è presa il Partito portando a votare 1 milione e 300 mila elettori. Come si è detto per Meloni all’indomani della nomina a Premier, si attende di vederla all’opera ma, come per la prima donna alla guida del Paese, è inevitabile non pensare a una vittoria già consumata nell’atto stesso di arrivare a quel vertice. Senza che un uomo ce le abbia messe, senza chiedere il permesso a nessuno.

Sono donne agli antipodi Meloni e Schlein e questo è un bene, si chiama democrazia. Ma nella loro diversità sono accomunate da un fattore genetico non indifferente e portano sulla scena della politica italiana una novità impensabile fino a pochi mesi fa: la leadership al femminile. Partendo da una passione politica sincera, come non eravamo più abituati a vedere, assuefatti come siamo da un dibattito politico incentrato su apparati, correnti e beghe interne.

La vera rivoluzione a cui stiamo assistendo è nell’interpretazione femminile di un ruolo di comando: non un pezzo di potere ma una comunità di destini. Un’interpretazione che cambia tutto, e in bene. Quella stessa interpretazione che per settimane ci ha fatto discutere dell’abbandono di Jacinda Ardern e Nicola Sturgeon, le premier neozelandese e scozzese.

C’è una frase nel discorso di dimissioni di Ardern che mi ha profondamente colpito: «Spero di avervi fatto comprendere che si può essere gentili, ma forti. Empatici, ma decisi. Che puoi essere il tipo di leader che vuoi, un leader che sa quando è il momento di andar via». Dentro c’è tutto: l’essenza di uno stile di leadership femminile e diverso, la consapevolezza dei propri limiti, umani, e il grande senso di responsabilità verso la propria comunità. Ovvero un nuovo senso del potere come servizio e non appannaggio personale e un’umanizzazione dei potenti come antidoto a quegli autoritarismi machisti di cui stiamo pagando caramente le conseguenze. Con quel loro passo indietro, quelle leader – e con loro ancor prima una Angela Merkel all’apice del proprio potere – ci hanno semplicemente insegnato che le leadership non dovrebbero essere eterne. Nelle aziende come in politica. Perché si mangiano la vita e servono salti mortali per tenere insieme tutto. Vale per le donne e per gli uomini, certo, ma finora il mondo del potere  è stato disegnato a immagine e somiglianza dei maschi, dei loro ritmi, dei loro bisogni, delle loro esigenze.

Qualche settimana fa, il compagno di Giorgia Meloni ha parlato di com’è stato difficile riorganizzare la loro vita ora che lei è diventata Premier, raccontando che la compagna torna ogni sera alle 23 ma che la figlia è serena. Non ha nascosto le difficoltà né fatto finta che la questione non si ponga, che non avere orari né limiti sia normale e bello e non comporti rinunce e sacrifici. Essere sinceri e coerenti nella propria volontà, legittimissima, di lavorare per il proprio Paese e in quella, altrettanto legittima, di fare un passo indietro.

E questa nuova leadership femminile e italiana mi auguro svolga anche questo ruolo: disegnare un nuovo volto del potere, fatto di coraggio, senso del dovere,  spirito di sacrificio e di responsabilità. Un potere umano e femminile.

Iscriviti alla Newsletter

 

6 commenti su “IL NUOVO VOLTO DEL POTERE”

  1. Pingback: Online medicatie kopen zonder recept bij het beste Benu apotheek alternatief in Amsterdam Rotterdam Utrecht Den Haag Eindhoven Groningen Tilburg Almere Breda Nijmegen Noord-Holland Zuid-Holland Noord-Brabant Limburg Zeeland Online medicatie kopen zonder r

  2. Pingback: phuket lawyer

  3. Pingback: ดูหนังออนไลน์ใหม่

  4. Pingback: fiwfans

  5. Pingback: Study in Africa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top