Fondazione Marisa Bellisario

IL FALLIMENTO DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE SENZA L’INTELLIGENZA DELLE DONNE

di Anna Cinzia Bonfrisco*

L’Intelligenza artificiale già domina e influenza l’andamento della società e le opinioni dei cittadini, a cominciare dall’informazione e i media, compresi Internet e le piattaforme di condivisione. Pertanto, il Parlamento europeo ha approvato la scorsa seduta Plenaria di Strasburgo la nuova normativa per cercare di tenere in equilibrio la tutela dei consumatori con un mercato fondato sulla concorrenza e l’innovazione. Tuttavia, se la legislazione prova a tenere il passo con i tempi, il dibattito sull’etica degli algoritmi e dell’intelligenza artificiale si è fermato rispetto il 2019, a inizio legislatura.

A ben vedere, la rivoluzione epocale dell’intelligenza artificiale pone sfide specifiche per donne e ragazze in termini di parità di genere e di stereotipi di genere. Come sottolinea il Consiglio d’Europa, «è probabile che l’uso di algoritmi diffonda e rafforzi gli stereotipi esistenti, perpetuando così la discriminazione e il sessismo. Inoltre, la grave sottorappresentazione delle donne sia come studentesse che come professioniste nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (16% nell’UE) solleva anche la questione della loro esclusione da un’area economicamente dinamica e potente».

La lezione che ne traiamo è che il Mondo che verrà plasmato ineluttabilmente dalle intelligenze artificiali, la formazione delle idee della società europea, si fonderà sulla stessa morale (e quindi sugli stessi bias) di coloro che guidano i progressi tecnologici, producono i dati e si trovano nelle posizioni decisionali. Secondo lo European Tech Report su oltre 1200 europei, fondatori di aziende tecnologiche, solo il 21% sono donne. Secondo il Global Gender Gap Report, prodotto dal World Economic Forum nel 2018 prendendo in analisi LinkedIn, i professionisti donne dell’intelligenza artificiale a livello globale sono il 22%. Google, il gigante dell’intelligenza artificiale, conta uno scarso 10 % dei ricercatrici.

È un cane che, peraltro, si morde la code due volte; infatti, è la stessa dimensione lavorativa che sperimenta un crescente utilizzo dei sistemi di IA, specialmente a seguito della crisi del COVID-19 che già aveva minato la prospettiva di genere.

L’automazione del mercato modifica la quantità e la qualità dei posti di lavoro e delle mansioni in tutti i settori e le condizioni di lavoro. L’IA implementa esponenzialmente la capacità delle macchine di eseguire molti più tipi di attività. A farne le spese sono proprio donne e ragazze.

La Commissione europea calcola che «oltre 28 milioni di persone nell’UE lavorano attraverso piattaforme di lavoro digitali. Nel 2025, il loro numero dovrebbe raggiungere i 43 milioni di persone. Tra il 2016 e il 2020, i ricavi nell’economia delle piattaforme sono quasi quintuplicati, passando da circa 3 miliardi di euro a circa 14 miliardi di euro». Attraverso le piattaforme vengono soppiantate specialmente professioni a predominanza femminile, ad esempio legate al lavoro amministrativo, con un rischio più elevato di perdita del lavoro per le donne.

In conclusione, possiamo affermare che vincere la sfida della regolamentazione del digitale è necessario ma ciò non corrisponde a un futuro più equo e più prospero, poiché molto deve essere ancora fatto a livello di discriminazione salariale, protezione e rappresentazione delle donne nell’Unione.

Ma alla base di tutto c’è un’attestazione della nostra democrazia che si esprime nella parità di genere nell’Intelligenza artificiale. In un’epoca di guerra fredda digitale e di sfide poste dai giganti cinesi del cloud computing (il motore dell’economia digitale di servizi come lo streaming video e che consente alle aziende di eseguire programmi di Intelligenza Artificiale), infatti, è affermando i valori di donne e ragazze nelle tecnologie europee che definiamo la nostra differenza e la nostra etica, ponendo noi una sfida che gli autoritarismi perderanno sempre: quella con la libertà e la dignità degli esseri umani, sia essa online oppure offline.

*Europarlamentare

Iscriviti alla Newsletter

11 commenti su “IL FALLIMENTO DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE SENZA L’INTELLIGENZA DELLE DONNE”

  1. Pingback: Data HK

  2. Pingback: https://www.outlookindia.com/outlook-spotlight/the-14-best-press-release-distribution-services-of-for-enhanced-visibility-and-reach--news-301112

  3. Thanks for one’s marvelous posting! I definitely enjoyed
    reading it, you may be a great author. I will remember to bookmark your blog and will
    come back in the foreseeable future. I want to encourage you to ultimately
    continue your great job, have a nice afternoon!

  4. Hi! This is kind of off topic but I need some advice from an established blog.

    Is it very difficult to set up your own blog?
    I’m not very techincal but I can figure things out pretty fast.
    I’m thinking about creating my own but I’m not sure where to begin. Do you have any ideas or suggestions?

    Thank you

  5. That is a really good tip especially to those fresh to the blogosphere.
    Brief but very accurate info… Many thanks for sharing this one.

    A must read post!

  6. Pingback: jarisakti

  7. Pingback: Travel to Latvia

  8. Hello There. I found your blog using msn. That is a very smartly written article.
    I’ll make sure to bookmark it and come back to learn extra of your helpful
    info. Thanks for the post. I’ll definitely return.

  9. After looking at a handful of the articles on your web page, I really like your technique of blogging.
    I book-marked it to my bookmark webpage list and will be checking back soon. Please check out my web site as well
    and let me know how you feel.

  10. Howdy would you mind letting me know which hosting company you’re utilizing?
    I’ve loaded your blog in 3 completely different
    web browsers and I must say this blog loads a lot quicker then most.
    Can you suggest a good hosting provider at a reasonable price?

    Thank you, I appreciate it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top