Fondazione Marisa Bellisario

DIVIETO DI DISCRIMINAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO: IL FIL ROUGE DEI RECENTI INTERVENTI NORMATIVI  

di Monica Pereno*

A fronte del dato di fatto che il lavoro di cura grava essenzialmente sulle donne, e che questo carico condiziona in modo ineluttabile la loro vita lavorativa retribuita, in termini di progressione di carriera e retribuzione e, nei casi più gravi, di conservazione del posto di lavoro, nell’attesa che la società finalmente si evolva sino a raggiungere una ripartizione davvero equa dei carichi di cura, è bene che le donne acquisiscano consapevolezza degli strumenti di tutela esistenti, rafforzati da alcuni recenti interventi normativi.

La Legge 162/2021, che modifica il Codice delle Pari Opportunità del 2006 ed è spesso citata per aver istituito la certificazione di genere, è intervenuta anche sulla definizione di discriminazione sul luogo di lavoro.

Per la prima volta è esplicitato che le modifiche di natura organizzativa, che incidono sulle condizioni e sui tempi di lavoro, rientrano tra i comportamenti potenzialmente discriminatori.

Inoltre, è sancita la natura discriminatoria, e quindi vietata, di trattamenti o modificazioni organizzative che possono porre il lavoratore/lavoratrice in situazione di svantaggio rispetto agli altri lavoratori, o possono limitare le sue opportunità di partecipare alla vita aziendale o di accedere ai meccanismi di avanzamento e di progressione nella carriera lavorativa, anche in ragione delle esigenze di cura personale o familiare.

Nella stessa direzione si muovono le disposizioni del decreto legislativo che recepirà la Direttiva UE 2019/1158 (relativa all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare), approvato dal Consiglio dei Ministri il 31 marzo 2022 e giunto quasi al termine dell’iter parlamentare.

Per i lavoratori/lavoratrici in imprese pubbliche e private che occupano più di cinquanta dipendenti, infine, sempre la Legge 162/2021 (e il decreto attuativo del 29 marzo 2022), prevede ora, e si tratta di una assoluta novità, il diritto del lavoratore che intenda usufruire della tutela giudiziaria prevista dal Codice, di avere copia del rapporto biennale sulla situazione maschile e femminile. Tale rapporto, a partire dalla prima scadenza del 30 settembre 2022, dovrà anche indicare, per uomini e donne, il dettaglio delle componenti accessorie del salario, disaggregato per straordinari, superminimi, premi di produttività, così da rendere più agevole individuare -e provare- i gap retributivi.

*Avvocata in Torino

Iscriviti alla Newsletter

7 commenti su “DIVIETO DI DISCRIMINAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO: IL FIL ROUGE DEI RECENTI INTERVENTI NORMATIVI  ”

  1. Pingback: new era exotics

  2. Pingback: bonanza178

  3. Pingback: 웹툰 마스크걸 다시보기

  4. Pingback: bonanza178

  5. Pingback: Get More Information

  6. Pingback: ติดตั้งโซลาเซลล์

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top