di Federica Garbolino* e Giulia Zanotti**

Il 5 maggio 2022 apre il primo sportello, quello dedicato alle nuove imprese e alle imprese in fase di costituzione, del tanto atteso Fondo impresa femminile. A partire da quella data sarà possibile iniziare a compilare la domanda di finanziamento, il cui invio è previsto dal 19 maggio. Per le imprese già attive e con più di 12 mesi di vita, la compilazione inizierà il 24 maggio, l’invio il 7 giugno.

Il Fondo mette a disposizione delle imprese femminili 200 milioni di euro. Per imprese femminili si intendono: le cooperative o società di persone con almeno 60% di donne socie, le società di capitale con quote e componenti degli organi di amministrazione per almeno i due terzi di donne, le imprese individuali con titolare donna, le lavoratrici autonome con partita IVA. Anche le persone fisiche possono partecipare, con l’impegno di costituire una nuova impresa femminile dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Gli incentivi previsti sono diversi in base alle caratteristiche dell’impresa. Nel caso di libere professioniste, imprese costituende o imprese con meno di 12 mesi, le proponenti possono presentare progetti d’investimento fino a € 250.000 e accedere a incentivi interamente a fondo perduto. Nel caso di imprese già costituite, si possono presentare progetti d’investimento per sviluppare nuove attività o per ampliare attività esistenti fino a € 400.000. In questo caso, il Fondo prevede un mix di contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero.

In entrambi i casi, il progetto imprenditoriale dovrà essere realizzato in massimo 24 mesi e riguardare attività nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, servizi, commercio e turismo.

Oltre al finanziamento in denaro, le proponenti – quando compilano la domanda – possono richiedere l’assistenza tecnico-gestionale grazie alla quale verrà loro assegnato un tutor che, in fase di realizzazione del progetto, le accompagnerà e aiuterà nell’utilizzo delle agevolazioni. Il servizio comprende anche un voucher per acquistare servizi di marketing o comunicazione.

Come sempre, idee, risultati e competenze faranno la differenza! Le carte vincenti per accedere al finanziamento saranno infatti la qualità del progetto imprenditoriale, la sua sostenibilità e la robustezza del team imprenditoriale.

Il Fondo è promosso dal Ministero dello sviluppo economico e finanziato con 200 milioni da risorse nazionali (Legge di bilancio 2021) e fondi PNRR. A questo stanziamento, si aggiungeranno, grazie al PNRR, altri 200 milioni di euro per le startup innovative e per le nuove imprese.

Invitalia, come soggetto gestore del Fondo, mette a disposizione tutte le informazioni tecniche sul sito www.invitalia.it e ha in programma una serie di webinar tecnici di accompagnamento alla presentazione della domanda. Per informazioni, si può anche chiamare il contact center (848.886.886).

*Responsabile Mercato e Servizi di Invitalia e responsabile del Fondo per Invitalia

**Project manager, area Mercato e Servizi di Invitalia

Iscriviti alla Newsletter