Fondazione Marisa Bellisario

Quirinale/ Lella Golfo: Le 295 grandi elettrici votino una donna.Ora possono fare differenza

“Come al solito, anche per l`elezione del Presidente della Repubblica, le donne saranno in grande minoranza ma per la prima volta, grazie a una percentuale mai vista di deputate e senatrici, potranno fare la differenza e saranno decisive nella scelta. Per questo faccio appello a loro invitandoli a votare secondo coscienza per una candidata donna”.
E’ l’appello lanciato in vista dell’elezione del nuovo Capo dello Stato da Lella Golfo, presidente della Fondazione Marisa Bellisario.

“Purtroppo – ha affermato Lella Golfo – tra i delegati regionali le donne sono solo 5 contro 53 uomini a conferma di quanto i vertici delle istituzioni locali siano ancora saldamente in mano agli uomini. Ma fortunatamente tra i grandi elettori ci sono anche 290 tra deputate e senatrici per un totale di 295 donne contro 712 uomini. Certo che le donne siano il 29,3% delle grande elettrici è ancora troppo poco ma finalmente ci dà voce in capitolo e spero che le parlamentari usano bene il proprio voto.
Dopo le prime tre votazioni che richiedono il superamento dei due terzi dei votanti, ovvero cioè 672 preferenze, a partire dalla quarta chiamata sarà sufficiente la maggioranza assoluta di 504 voti. È chiaro che senza il loro voto delle donne non si andrà da nessuna parte: è un`occasione storica che va usata”.

“Abbiamo donne – ha proseguito Lelal Golfo- che lavorano nella società civile come Diana Bracco o Letizia Moratti, nelle istituzioni come Anna Maria Cancellieri e Paola Severino, nella politica come Anna Finocchiaro, Emma Bonino, Linda Lanzillotta e Livia Turco. Personalità femminili che ben saprebbero rispondere a quel principio di concordia e unità nazionale tanto a cuore al Presidente Napolitano e tanto più necessario oggi”.

“Il tempo – ha concluso- è scaduto e il Paese reclama un segno di cambiamento ma anche di speranza, ha bisogno di un`iniezione di coraggio e umanità oltre che di una guida forte e decisa e una figura femminile saprebbe certamente incarnare tutto questo. La scelta di una donna, inoltre, contribuirebbe a instaurare quel clima di pacificazione che serve all`Italia per uscire dall`attuale e insostenibile immobilismo. Per questo confido che le quasi trecento donne ma anche gli uomini lungimiranti e responsabili che dal 18 aprile dovranno decidere il prossimo inquilino del Quirinale riflettano sulla scelta migliore per il Paese, e alla fine scelgano una donna”.

6 commenti su “Quirinale/ Lella Golfo: Le 295 grandi elettrici votino una donna.Ora possono fare differenza”

  1. Pingback: Buy Vape carts online

  2. Pingback: Medicijnen bestellen zonder recept bij Benu apotheek vervanger gevestigd in Arnhem

  3. Pingback: superkaya88

  4. Pingback: u31

  5. Pingback: Biladd Alrafidain

  6. Pingback: upx1688

I commenti sono chiusi.

Scroll to Top