Fondazione Marisa Bellisario

DOPO LA PAUSA ESTIVA, LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

di Valeria Ferrero
Il contesto economico che stiamo da tempo vivendo e i mercati che sembrano ormai essere guidati dall’ipocondria, quale risultato di una crisi ormai lunga, comportano l’evidente rischio di amplificazione dei fenomeni. Ogni notizia è letta come potenziale veicolo di catastrofe capace di coinvolgere mercati finanziari strettamente interconnessi.
Dopo la doccia fredda della svalutazione dello yuan cinese, la contrazione economica annunciata dalla tigre asiatica, la paura di una recessione ancora più lunga legata alla contrazione dei prezzi di petrolio e materie prime e le attese delle manovre delle banche centrali, diventa opportuna qualche riflessione sul come affrontare i mercati, gestire un patrimonio e soprattutto affrontare la volatilità.
In breve, dobbiamo chiederci:
1. sappiamo scegliere chi può meglio guidarci?
2. come deve evolvere il rapporto con gli intermediari?
3. sappiamo cogliere le opportunità?
Dobbiamo cercare partner di medio lungo termine, intermediari che sappiano seguirci con trasparenza e chiarezza e che mostrino attenzione alle caratteristiche delle investitrici e delle donne che amministrano patrimoni. Nel 2008, l’autorevole Boston Consulting Group, sottolineava che uno dei campi nei quali le donne trovano maggiore insoddisfazione è proprio quello dei servizi finanziari. E’ quindi necessario essere molto esigenti. E’ essenziale pretendere proattività, spiegazioni dettagliate e soprattutto chiedere una presenza costante.
Le gestione del patrimonio finanziario non può prescindere da valutazioni in merito alla protezione patrimoniale.
Il rapporto con gli intermediari dovrebbe essere orientato ad una maggiore collaborazione e ad un maggior dialogo al fine di ottenere sostegno anche per ciò che riguarda la protezione del nostro patrimonio, per noi stesse e per la trasmissione alle future generazioni. Esistono numerose fonti di responsabilità provenienti da vari ambiti (l’impresa, la professione, la famiglia, il patrimonio) che potrebbero innescare aggressioni al patrimonio personale di un soggetto.
Non sempre percepiamo esattamente tale rischio; è raro che si tenga conto della necessità di proteggersi da attacchi da parte di terzi soggetti.
Una proposta per una metodologia di una pianificazione patrimoniale ragionata dovrebbe essere:
Mappare e monitorare il proprio patrimonio secondo fasi ben definite:
• composizione di attivi e passivi patrimoniali
• regime patrimoniale
• monitoraggio delle fonti di rischio
• tutela della famiglia
• finalità previdenziale e assistenziale
• filantropia e sociale
• impatto fiscale
E per le imprenditrici e professioniste non ultimo un richiamo all’accesso al credito.
Pare opportuna, a beneficio di imprenditrici e professioniste, una analisi dell’offerta delle soluzioni di finanziamento proposte dagli istituti di credito domestici e dedicate alle imprese a prevalente partecipazione femminile, lavoratrici autonome incluse.
A risposta dell’Iniziativa “Protocollo d’Intesa per lo Sviluppo e la Crescita delle Imprese a prevalente partecipazione femminile e delle lavoratrici autonome”, il sistema bancario ha previsto un quadro di interventi per favorire l’accesso al credito delle imprese femminili nelle diverse fasi del loro ciclo di vita con:
• attivazione di prodotti dedicati alle imprese femminili
• condizioni migliorative rispetto ai prodotti equivalenti standard
• possibilità per le lavoratrici autonome e le ditte individuali femminili, che accendono i finanziamenti dedicati, di usufruire di un periodo di sospensione del rimborso della quota capitale delle rate del finanziamento
Così come non faremmo mai un acquisto in un supermercato senza prendere in considerazione più prodotti, più prezzi e senza aver analizzato con attenzione gli ingredienti, allo stesso modo diventa oggi irrinunciabile per lo sviluppo di iniziative analizzare e trarre vantaggio dalle opportunità e dalle alternative offerte dal mercato.

3 commenti su “DOPO LA PAUSA ESTIVA, LA GESTIONE DEL PATRIMONIO”

  1. Pingback: index

  2. Pingback: This Site

  3. Pingback: Psilocybe mushroom

I commenti sono chiusi.

Scroll to Top