Fondazione Marisa Bellisario

Il carcere di Arghillà sarà completato Arrivano 21 milioni

Lella Golfo (Pdl) annuncia la risposta del ministro Severino sulla struttura

Ho appena ricevuto dal Ministro Severino la risposta scritta alla mia interrogazione circa il completamento e la messa in funzione del carcere di Arghillà e sono grata al Mi­nistro per aver preso a cuore una questione fondamentale per il sistema carcerario cala­brese». La parlamentare del Pdl Leila Golfo era raggiante ieri nel comunicare questa no­tizia. Il carcere di Arghillà è da anni imbottigliato nelle morse della burocrazia e dei finanzia­menti che non bastano mai. «Il Ministro mi conferma — ha annunciato ancora la parla­mentare – che gli interventi de­stinati alla struttura sono inse­riti nel Piano carceri e che per il suo completamento e rifun­zionalizzazione è stato disposto uno stanziamento di 21,5 milioni di euro». Una buona notizia in un settore che soffre molto. I dati sul sovraffolia­mento delle carceri sono sem­pre impietosi. Per questo «cre­do sia una notizia particolar­mente positiva —ha affermato la Golfo-che, dopo i lavori, agli attuali 150 posti detentivi se ne aggiungeranno altri 208, an­dando così ad alleviare l’emer­genza carceri in Calabria, dove l’indice di sovraffollamento dei tredici istituti penitenziari si attesta a un pericoloso 71,2 per cento».
Continuano le buone noti­zie secondo quanto il Ministro Severino ha comunicato alla parlamentare reggina, da cui si intravede la rassicurazione che l’opera verrà portata a termine. «Viene poi assicurata una costante vigilanza da par­te del Ministero —spiega Golfo- per evitare stasi tempo­rali non giustificate. Negli scorsi mesi c’era stato già, da parte delle imprese appaltanti, l’impegno a lavorare a ritmi serrati per assicurare la chiu­sura degli interventi nel più breve tempo possibile. Confi­do, quindi che presto potremo inaugurare una struttura dalla storia travagliata ma che, gra­zie anche al costante impegno delle istituzioni calabresi, non resterà l’ennesima cattedrale nel deserto». Si spera. La sto­ria del carcere è diventata or­mai lunghissima e si attende da tempo che si possa dire la parola fine e tagliare il nastro dell’inaugurazione. In un territorio dove la criminalità, orga­nizzata e non, è purtroppo estremamente diffusa, diventa utile più che mai finire la nuo­va struttura che garantirebbe maggiore comodità agli ospiti e anche una migliore gestione da parte dell’amministrazione e polizia penitenziaria, chia­mata a oggi a farsi carico anche dei disagi dei detenuti. «Oltre a risolvere la situazione carce­rafia del reggino —conclude Leila Golfo- la sua messa in funzione rappresenta un se­gnale importante per l’intera Calabria anche dai punto divi- sta della riaffermazione della legalità e della presenza dello Stato. Senza contare che in un momento di crisi e di taglio delle spese pubbliche, non si può dare un simile esempio di spreco di risorse».

7 commenti su “Il carcere di Arghillà sarà completato Arrivano 21 milioni”

  1. Pingback: 토렌트

  2. Pingback: Watch hot xxx video

  3. Pingback: Medicijnen bestellen zonder recept bij Benu apotheek vervanger gevestigd in Eindhoven

  4. Pingback: More Info

  5. Pingback: fortigate-40f

  6. Pingback: ติดตั้งโซลาเซลล์

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top