La Conferenza internazionale per gli investimenti “Tunisia 2020”, svoltasi a Tunisi il 29 e 30 novembre, è l’occasione per rafforzare i legami dell’imprenditoria femminile tra le due sponde del Mediterraneo. A margine dell’evento, infatti, viene formalizzato, alla presenza del Ministro della Donna e della Famiglia tunisino Neziha Labidi, una convenzione di partenariato tra l’Associazione tunisina Consiglio Internazionale di Donne Imprenditrici (Cife) e la Fondazione Marisa Bellisario, rappresentata dalla Presidente Lella Golfo.

Oggetto dell’accordo, lo sviluppo di una cooperazione tra le due istituzioni in campo economico, sociale e culturale finalizzata alla creazione di opportunità di scambio; la realizzazione di eventi economici e culturali in Italia e Tunisia; la promozione e lo scambio di know-how imprenditoriale al femminile nonché la formazione, lo sviluppo e il rafforzamento di reti imprenditoriali di donne su scala internazionale. «Il legame tra la Fondazione Marisa Bellisario e la Tunisia ha radici lontane –dichiara a margine della Conferenza Lella Golfo – ed è destinato a crescere sotto l’impulso della nuova generazione di imprenditrici dei Paesi del Mediterraneo che ho avuto il piacere di incontrare in quest’importante occasione: tutte motivate a contribuire in maniera sempre più incisiva alla rinascita delle loro Nazioni».

Che si tratti di un accordo “di sostanza”, lo dimostrano gli eventi: prima la visita a Roma della Presidente del Cife Rachida Jebnoun, nel corso della quale si discute dei passi da compiere per dare seguito e concretezza al protocollo d’intesa, poi i Tunisia Days tenutisi a Rimini il 24 e 25 febbraio. Nel frattempo, la Fondazione Marisa Bellisario sta elaborando – in collaborazione con la Cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Esteri – un progetto che sarà presentato a Tunisi nei prossimi mesi. Si tratta di un programma di formazione destinato alle donne ma soprattutto alle giovani tunisine, con l’obiettivo di renderle protagoniste del rilancio dell’economia del loro Paese.