Un riconoscimento contro la rassegnazione e i favoritismi, per premiare il merito. È il Premio Socrate, ideato da Cesare Lanza e assegnato il 7 Giugno all’Unicredit Tower Hall di Milano a Lella Golfo. Con lei, tra i premiati, Maria Bianca Farina, Letizia Moratti, Urbano Cairo, Ernesto Pellegrini, imprenditore ed ex Presidente dell’Inter, Ernesto Mauri, AD del Gruppo Mondadori, Carlo Clavarino, dirigente Aon, Andrea Cornelli, CEO di Ketchum Italy.
Al centro, la meritocrazia come qualità indispensabile per la società italiana, a cui bisogna «tornare a dare importanza», ha detto Lanza introducendo la serata, «perché in Italia è stato superato ogni limite in questo periodo della storia non felice». Giornalista di lungo corso che di recente ha festeggiato 60 anni di professione, Lanza ha poi ha affidato l’introduzione della manifestazione a Ferruccio de Bortoli, suo allievo, che si è soffermato sul merito nell’informazione: «Discutiamo dei costi dell’informazione – ha argomentato De Bortoli – quando non è di grande qualità ma non ci soffermiamo sul danno della non informazione che ha un costo ben maggiore». Dopo di lui, sul palco tutti i premiati che hanno sottolineato l’importanza di rimettere il merito al centro delle scelte, in economia come in politica. «Per me la meritocrazia – ha detto Lella Golfo ritirando il Premio Socrate – è l’essenza delle pari opportunità: tra uomini e donne prima di tutto ma anche tra Sud e Nord, tra ricchi e poveri. Con la meritocrazia vincono intelligenza, talento, impegno e determinazione indipendentemente dal genere, dalla provenienza geografica o sociale. La meritocrazia è una cultura ed è la mia storia. La storia trentennale della Fondazione Marisa Bellisario e quella più recente della mia battaglia per quote di genere dimostrano che far vincere il merito è difficile e faticoso ma possibile, anche in Italia».

Visualizza la locandina