1992

[one_half position=””]Cremona – Teatro Ponchielli
UN PROGETTO PER CAMBIARE

Nel 1992, la Fondazione risale lo stivale per “ascoltare” le professioniste del Nord.
Sono loro a rivelare che finanza, politica eimprenditoria continuano a rappresentare settori tabù, sia in termini di difficoltà di accesso, sia di prospettive di carriera. La IV Edizione del Premio Bellisario diventa quindi un vero manifesto d’intenti, dal titolo “Un progetto per cambiare”.
La serata-spettacolo, presentata da Antonella Clerici al Teatro Ponchielli di Cremona alla presenza del Ministro Claudio Martelli e in onda come sempre sulla seconda rete Rai, è preceduta dalla presentazione della ricerca “Donne, emancipazione…e poi?”.
I dati, raccolti tra le donne del Nord, vengono messi a confronto con quelli già ottenuti al Sud: il 35% delle intervistate settentrionali e il 36% meridionali si dichiarano insoddisfatte delle prospettive di carriera e rispettivamente il 21% e 18% lamentano lo scarso “prestigio sociale” che incontrano le rispettive professioni. Da una parte, dunque, un retaggio culturale che tiene ancora lontane le donne dal potere, dall’altra una nuova presa di coscienza che vuole frantumare il “tetto di cristallo”. Il vento del cambiamento comincia comunque a soffiare e viene dall’estero. A testimoniarlo sono i Premi internazionali, assegnati a donne che nei loro Paesi incarnano simboli di determinazione, pace e democrazia. Sono il Primo Ministro francese Edith Cresson, prima donna in Francia a ricoprire una carica così prestigiosa; la leader dell’opposizione birmana Aung San Su Kyi, già Premio Nobel per la Pace; la portavoce della delegazione palestinese nel dialogo per la pace con Israele Hanane Achraoui, espressione di una nuova politica della mediazione e tolleranza.

[/one_half][one_half  position=”last”]Le Premiate

IMPRENDITRICI E MANAGER
Giovanna Delfino
Giuseppina Fusco
Marzia Duse
Marina Noè
Marina Salamon
Letizia Moratti

PREMI SPECIALI
Silvana Giacobini
Aung San Su Kyi
Hanane Achraoui

LAUREATE
Stefania Leone
Luisa Equi Pierazzini
Laura Sincardi
[/one_half]

——————————————————————————————————————————————

indietro