L’ambasciatore Mariangela Zappia, già rappresentante della Ue all’Onu e con una lunga esperienza diplomatica, è la prima donna a essere nominata Rappresentante Permanente al Consiglio Atlantico a Bruxelles.Un segnale che «dà un volto dell’Italia più dinamico e veloce», ha sottolineato Mogherini in occasione della nomina in Consiglio dei ministri. Con Zappia alla Nato si rafforza dunque la presenza femminile italiana nella gestione della Difesa, il cui dicastero è detenuto da Roberta Pinotti.
Nata nel 1959 a Mantova, Mariangela Zappia si è laureata in Scienze politiche all’Università di Firenze nel 1981 ed è entrata in carriera diplomatica nel 1983. Dal 2011 al settembre 2014 è stata Ambasciatore dell’Unione Europea (EEAS, European External Action Service) presso le Nazioni Unite a Ginevra. Ministro plenipotenziario dal 2010, era stata in servizio alla Rappresentanza Italiana presso l’Onu a partire dal 2007.
Al Ministero ha guidato l’ufficio della Cooperazione allo Sviluppo dell’area Mediterraneo, Medio Oriente e Balcani e, in precedenza, l’ufficio del Servizio Stampa e Informazione che coordina i rapporti con la stampa italiana. Tra gli altri incarichi ricoperti, dal 2000 al 2003 è stata primo Consigliere alla Rappresentanza Permanente presso l’Onu in New York, mentre dal 1997 al 2000 con funzioni di Consigliere a Bruxelles, è stata distaccata presso la task-force informazione della Nato durante il conflitto in Kosovo. Durante la carriera è stata inoltre Console aggiunto a New York (1990-1993) e segretario commerciale a Dakar (1986-1990).
Relatrice a conferenze internazionali su temi quali il multilateralismo, i diritti umani, le migrazioni, il disarmo e la politica estera e di sicurezza dell’UE, ha pubblicato sulla riforma del Consiglio di Sicurezza e sul contributo italiano alle operazioni di peace-keeping dell’Onu. Sposata con Denis Caillaux, ha due figli.
MA