di Ornella Del Guasto

La Destra francese tenta di femminilizzarsi. Il nuovo partito di Nicolas Sarkozy avrà un tratto più femminile scrive Le Monde. Natalie Kosciusko-Morizet  vice presidente dell’UMP  è riuscita a imporre la sua lista per il nuovo Bureau Politico (BP) che sarà presentata il 29 maggio. La lista finalmente conterrà i nomi di 40 donne e 40 uomini ripartiti in 3 collegi (40 parlamentari, 30 eletti locali e 10 membri di federazione). Comunque il BP non sarà strettamente paritario perché bisogna aggiungere i membri aventi diritto (ex Primi Ministri, Presidenti del Senato e Presidenti dei gruppi parlamentari). E’ però importante -.dice  la Kasciusko–Morizet-  che sia intanto rafforzata la presenza  femminile. In ogni caso l’UMP resta un partito  fortemente mascolino  e l’evoluzione attuale non nasconde  l’enorme ritardo della Destra francese in termini di parità: ad esempio nell’Assemblea le donne dell’UMP sono  28 su 190 uomini rispetto alle 104 donne su 274 membri del Partito Socialista, così come al Senato nell’UMP sono 27 su 144 membri (30 su 110 del PS). Anche a livello regionale le donne sono sistematicamente sottorappresentate  nonostante le penalizzazioni finanziarie decise dallo Stato che ogni anno priva l’UMP di 4 milioni di euro all’anno.